mercoledì 3 maggio 2017

Storie dello spazio Profondo - #Fumetto #Recensione

Glauco Silvestri
Dopo diversi tentennamenti, mi sono convinto a comprare Storie dello Spazio Profondo, una raccolta di avventure spaziali pensata da una accoppiata fuori dalle righe, ovvero Bonvi e Guccini, e inizialmente pensata per una gloriosa rivista degli anni settanta che uscì solo per pochi numeri (n.d.r. 6).

La vicenda riguarda un contrabbandiere spaziale, che messosi in società con un robot, comincia a fare un po' di confusione nello spazio. Tra le varie missioni lo troveremo a gestire una stazione televisiva capace di coprire l'intera galassia, lo vedremo svelare i segreti di un pianeta impossibile da colonizzare perché infestato da fantasmi, o addirittura scovare un misterioso falsario capace di replicare la moneta corrente senza il minimo difetto, e infine, salvare addirittura un regno da un colpo di stato organizzato da una banda di pirati spaziali.

Tutte le vicende sono narrate con la solita sfacciata irriverenza di Bonvi. Guccini ci mette del suo, visto poi che i due personaggi della serie a fumetti non sono altro che l'incarnazione cartacea dei due autori (n.d.r. Bonvi è il pirata, Guccini è il robot). E a ben pensarci, è possibile che a Hollywood qualcuno abbia letto questi fumetti, perché pur essendo usciti in tempi non sospetti (n.d.r. si parla degli anni sessanta), sono evidenti alcune somiglianze con film sci-fi di grande fama. Il robot ricorda molto Wall-e, della Pixar. Alcune ambientazioni nei bar malfamati ricordano scene di Star Wars, e... be' il resto non ve lo posso svelare.

Divertente! Lo consiglio.



Scopri i miei ebook cliccando QUI



About the Author

Glauco Silvestri / Author & Editor

Vivo a Bologna. Vivo per le mie passioni. Scrivo, leggo, amo camminare. Adoro il cinema, amo tantissimo le montagne. Sono cresciuto a suon di cartoni di Go Nagai e Miyazaki.
Mi guadagno da vivere grazie all'elettronica. Lavoro nella domotica, e nell'illuminazione d'emergenza, per una grossa azienda italiana. Ci occupiamo di sicurezza, salute, emergenza... ma anche di energia pulita. Il mio sogno sarebbe vivere grazie ai miei libri, ai miei disegni, alle mie fotografie... Ma onestamente, suppongo di essere più bravo nel mio attuale lavoro. Ciò non significa che io rinunci a provare, tutt'altro, faccio di tutto per migliorare, crescere, ottenere il meglio che posso nei miei lavori, che siano racconti, digital painting, fotografie...
Ovviamente, oltre a ciò, sono anche un blogger, ma se state leggendo questa breve nota, vuol dire che già lo sapete.

0 commenti:

Posta un commento

Post Recenti



Powered by Blogger.

Popular Posts

Cerca sul Blog

')