domenica 14 maggio 2017

Pirata dei Caraibi, Oltre i confini del mare - #Film #Recensione

Glauco Silvestri
Se il terzo capitolo della saga doveva essere anche il capitolo conclusivo dell'intera vicenda (n.d.r. Nonostante le scene dopo i titoli di coda preannunciavano un possibile proseguimento), la Disney si è comunque fatta convincere a realizzare un quarto capitolo, basandosi su una storia nuova, con un budget - per lo meno in teoria - limitato, in cui Will ed Elizabeth non sarebbero comparsi.
Oltre i confini del Mare vede infatti apparire una nuova donzella, Angelica, ex fiamma di Jack, e figlia del pirata Barbanera, nelle vesti di figura femminile controversa da mettere a confronto con Sparrow. Ad impersonarla è la bellissima Penelope Cruz, qui davvero conturbante, per quanto mai davvero convincente nel ruolo che gli è stato affidato.
La storia è legata alla ricerca della fonte della giovinezza. Jack Sparrow è di nuovo senza la Perla Nera, eppure per le vie di Londra si narra che lui abbia una nave e che stia reclutando marinai per una nuova impresa. Barbossa non è più un pirata, bensì è un Corsaro al soldo del regno. Ha persino perso la nave di Jack, in battaglia contro Barbarossa, nel tentativo di rubare le carte che portano alla famosa fonte.
Jack si trova in mezzo a questi eventi suo malgrado. E' a Londra solo per salvare il suo fido nostromo dalla forca, ma nella confusione viene a scoprire che chi usa il suo nome per avere una ciurma è niente meno una sua vecchia fiamma, la bella, pericolosa, e vendicativa Angelica. Dopo un incontro/scontro con la ragazza Jack viene arruolato di forza sulla nave di Barbarossa, e si ritrova costretto a navigare nuovamente per cercare un tesoro mistico. Per sfruttare la fonte della giovinezza dovrà infatti recuperare due calici magici, una sirena - di cui servirà una lacrima - e... Non posso mica raccontarvi tutto, no?

Il film è meno efficace rispetto alla precedente trilogia. Non è certo colpa degli interpreti - per quanto la Cruz non mi è mai parsa calzare perfettamente i panni di Angelica, forse anche a causa del fatto che in quel periodo era in dolce attesa (n.d.r. Tanto che in alcune scene è stata sostituita dalla sorella Monica) -  o degli effetti speciali, bensì di una confusione di fondo nella narrazione, che mi è parsa più orientata a cercare lo stupore piuttosto che a raccontare una bella storia d'avventura.
Ci si diverte, assolutamente, come anche ci si era divertiti con i tre film precedenti, ma in questo caso, con i titoli di coda, non si ha neppure voglia di attendere la scenetta finale, che c'è, e non ve la rivelo.

Il dubbio è: C'era proprio bisogno di questo quarto capitolo della saga?

Lo scopriremo con il quinto capitolo, che se non sbaglio, arriverà nelle sale a Luglio di quest'anno


Scopri i miei ebook cliccando QUI



About the Author

Glauco Silvestri / Author & Editor

Vivo a Bologna. Vivo per le mie passioni. Scrivo, leggo, amo camminare. Adoro il cinema, amo tantissimo le montagne. Sono cresciuto a suon di cartoni di Go Nagai e Miyazaki.
Mi guadagno da vivere grazie all'elettronica. Lavoro nella domotica, e nell'illuminazione d'emergenza, per una grossa azienda italiana. Ci occupiamo di sicurezza, salute, emergenza... ma anche di energia pulita. Il mio sogno sarebbe vivere grazie ai miei libri, ai miei disegni, alle mie fotografie... Ma onestamente, suppongo di essere più bravo nel mio attuale lavoro. Ciò non significa che io rinunci a provare, tutt'altro, faccio di tutto per migliorare, crescere, ottenere il meglio che posso nei miei lavori, che siano racconti, digital painting, fotografie...
Ovviamente, oltre a ciò, sono anche un blogger, ma se state leggendo questa breve nota, vuol dire che già lo sapete.

0 commenti:

Posta un commento

Post Recenti



Powered by Blogger.

Popular Posts

Cerca sul Blog

')